Testo Unico sicurezza, unica pena per più violazioni all’allegato IV

La violazione di più requisiti sulla sicurezza previsti dall’allegato IV del Testo unico sulla sicurezza è punita con un’unica sanzione.
E’ quanto stabilito dall’articolo 41 del decreto legislativo n. 106 del 3 agosto 2009, recante “Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”.

La sentenza della Cassazione

A questa norma ha fatto riferimento la Cassazione Penale, sezione 3, con la sentenza n. 7342 del 17 febbraio 2014 – Luoghi di lavoro non conformi alla normativa: più violazioni, sanzione unica.
La sentenza ha accolto il ricorso di un datore di lavoro fiorentino per l’annullamento di un provvedimento del Giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Firenze che lo aveva condannato alla pena complessiva di 5.400 euro di ammenda per la violazione di due punti dell’allegato IV del Testo Unico.

La violazione del primo punto, 1.12, era legata al fatto che nella sua azienda non esisteva un locale appositamente destinato a spogliatoio; quella del secondo punto, 1.10.1, evidenziava la presenza dell’area di lavoro al disotto di un soppalco e quindi poco illuminato dalla luce naturale diretta proveniente dalle finestrature del soffitto.
La Cassazione tuttavia ha considerato fondato il ricorso del datore di lavoro che si basava sull’articolo 68, commi 1 e 2 del decreto legislativo 81/2008, che sarebbe stato violato del giudice e che prescrive, nella quantificazione della pena, la somma aritmetica delle sanzioni applicate per entrambe le contravvenzioni da considerarsi come unica violazione.
La pena complessiva di 5.400 euro invece è stata comminata considerando le due violazioni separatamente superando il limite edittale massimo di 4.800 euro che, come indicato nell’articolo 68 del Testo unico, è la somma risultante dall’esame di un’unica infrazione.

Approfondimenti

Su Anfos.it trovi gli approfondimenti dedicati alla sicurezza sul lavoro: www.anfos.it/sicurezza/

Scritto il
Categoria Approfondimenti