Studio ILO su condizioni di lavoro e produttività delle aziende

Migliori condizioni di lavoro, rispetto delle norme sulla salute e la sicurezza sul lavoro, sviluppo continuo di competenze e professionalità hanno uno stretto legame con la produttività delle PMI piccole medie imprese.
E’ il tema al centro dello studio Can better working conditions improve the performance of SMEs? – An international literature review dell’ILO – International Labour Organization – che esamina e revisiona la letteratura in materia con l’obiettivo di evidenziare il legame tra l’adozione di buone pratiche sul posto di lavoro e il conseguimento di risultati positivi per le aziende, come il ridotto turnover del personale e il miglioramento della redditività e dei livelli di soddisfazione del cliente.

Dalla ricerca emerge quindi che i risultati di business sono la conseguenza di una moderna e lungimirante gestione aziendale secondo un rapporto di causa ed effetto: è proprio l’adozione da parte delle imprese di una strategia coerente e in grado di coniugare aspetti come la sicurezza e la formazione professionale con migliori orari di lavoro e salari adeguati la chiave per essere competitivi sul mercato poiché tale politica genera produttività, innovazione e fidelizzazione dei dipendenti.
L’idea base è che la massimizzazione del profitto non deve essere l’unico né il principale obiettivo delle PMI dal punto di vista degli imprenditori e che i fattori umani e gestionali hanno necessità di essere rivalutati come concreta ricchezza dell’azienda.
La relazione evidenzia dunque che la letteratura in materia non indaga a sufficienza sul legame tra crescita costante del capitale umano aziendale e produttività delle PMI e sulla complessità del rapporto tra condizioni dei lavoratori, salute e sicurezza, sviluppo delle professionalità e risultati concreti delle imprese.
Permane infine la necessità di una ricerca, finora molto limitata, che prenda in esame anche le realtà aziendali presenti nei Paesi in via di sviluppo e nelle economie emergenti.

Categoria Approfondimenti