Quadro strategico Ue per la salute e sicurezza sul lavoro 2014-2010, le nuove sfide

Migliorare l’attuazione delle leggi da parte degli Stati Ue in materia di salute e sicurezza sul lavoro, contrastare i rischi lavorativi vecchi e nuovi attraverso l’attività di prevenzione, raccogliere le sfide poste dal cambiamento demografico utilizzando strumenti come l’invecchiamento attivo e la domotica sul posto di lavoro.
Sono le tre grandi sfide del Quadro strategico per la salute e la sicurezza sul posto di lavoro che definisce gli obiettivi europei per il periodo 2014 – 2020: un piano che, in linea con la Strategia europea per il 2020, si pone come traguardo quello di migliorare le condizioni di vita di oltre 217 milioni di lavoratori europei attraverso misure in grado di limitare gli incidenti e le malattie professionali.

Il piano, presentato dalla Commissione Europea lo scorso 6 giugno, si struttura in 7 grandi obiettivi strategici.

  1. consolidamento delle politiche nazionali su salute e sicurezza nazionale attraverso strumenti come il coordinamento delle azioni e l’apprendimento reciproco
  2. sostegno alle piccole e micro imprese per aiutarli a rispettare gli standard di salute e sicurezza. Tra gli strumenti di assistenza un esempio è la linea Interactive Risk Assessment (OiRA), una piattaforma web che fornisce strumenti di valutazione del rischio settoriale
  3. miglioramento dell’attuazione delle norme da parte degli Stati, valorizzando l’attività di enti come gli ispettorati del lavoro nazionali
  4. semplificazione della legislazione esistente, con l’eliminazione degli oneri amministrativi superflui, e mantenendo comunque un elevato livello di protezione della salute e della sicurezza sul lavoro
  5. promozione dell’invecchiamento come valore e non peso nel mondo del lavoro e maggiore prevenzione delle malattie correlate al lavoro per affrontare i rischi vecchi ed mergenti come quelli legati a nanomateriali, tecnologia verde e biotecnologie
  6. miglioramento dell’attività di raccolta dei dati statistici e degli strumenti di monitoraggio
  7. rafforzamento del coordinamento con organizzazioni internazionali quali l’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e l’Organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo (OCSE) con l’obiettivo di ridurre gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.

CONTATTI

Per informazioni e richieste professionali 

Numero Verde: 800.58.92.56
E-Mail: info [at] rolandomorelli.it
Indirizzo: Via di Santo Stefano, 9
00061 - Anguillara Sabazia [ROMA]

FORM CONTATTI

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Letta la informativa Informativa Privacy

Scritto il
Da domani e fino a venerdì Anfos ad Ambiente Lavoro https://t.co/Od10yJz8pS
Nota ministeriale Vigili del Fuoco su immissione sul mercato di articoli pirotecnici #sicurezza https://t.co/CAzzXG7Rl8
Quesito ai Vigili del Fuoco sulla propagazione degli #incendi a cabine elettriche in prossimità di locali esterni https://t.co/UxUI2xPVq3
Documento del Ministero del #Lavoro su misure di #sicurezza per lavoratori linee aeree elettriche https://t.co/IYNBFZoLnF
Anfos partecipa ad @Ambiente_Lavoro 2016, dal 19 al 21 ottobre a Bologna #sicurezza #lavoro https://t.co/Od10yJz8pS
Decreto attuativo della direttiva disposizioni minime #sicurezza su esposizione lavoratori ai rischi agenti fisici https://t.co/NoGqr3uNnE
In Gazzetta Ufficiale provvedimento di attuazione delle norme tecniche di prevenzione incendi negli hotel #sicurezza https://t.co/SyIsIOvm4W
Quinta Conferenza Nazionale sulle Politiche per la Disabilità voluta dal Ministero del #Lavoro #sicurezza https://t.co/xW3OTuySga
Linee guida #Inail per la #sicurezza dei lavoratori che operano sugli alberi con funi #lavoro https://t.co/Mzvww9g6fG
#Inail e Ministero del Lavoro finanziano le imprese agricole per migliorare la #sicurezza dei lavoratori https://t.co/fqC2VfotTL